Share
keyboard_arrow_up
MIELE

Miele aumenta il fatturato del 6,4%

Miele aumenta il fatturato del 6,4%

L’azienda familiare tedesca ha raggiunto il suo obiettivo strategico di crescita costante e sostenibile, nonostante l’incerto scenario economico globale. Il fatturato è pari a € 3,71 miliardi con un investimento di € 184 Mio per lo sviluppo del business e una riduzione del consumo energetico totale del 18,4% rispetto al 2000.

Alessandro Covi, AD Miele Italia

Miele, azienda leader nella produzione di elettrodomestici di qualità, guarda con soddisfazione all'esercizio passato che ha riportato risultati positivi sotto tutti i punti di vista. Il fatturato ha registrato una crescita ‘organica’ (ovvero, non dovuta all'acquisizione di aziende o marchi e senza aumenti di capitale), superando l’anno precedente di € 224 Mio, con un tasso medio più alto di quello degli ultimi 10 anni. L’investimento totale è stato di € 184 Mio ed ha riguardato lo sviluppo dei siti produttivi, della logistica e della rete vendita, con un relativo aumento del personale, arrivando a contare 18.000 dipendenti totali.

Queste cifre sono ancora più sorprendenti se si considera il contesto economico internazionale non favorevole, a causa delle crisi che coinvolgono Arabia, Russia e Turchia, così come la piega presa dai tassi di cambio. All'aggressiva politica dei prezzi attuata dai concorrenti, Miele ha contrapposto una politica di ampliamento della gamma mantenendo una grande attenzione alla qualità dei prodotti: dai modelli di fascia alta conosciuti e amati dal pubblico, a modelli entry-level con un ottimo rapporto qualità-prezzo. Ancora una volta, gli elettrodomestici da incasso hanno contribuito in modo considerevole alla crescita delle vendite.


Una crescita dinamica negli Stati Uniti, Australia, Asia e Germania

In Germania, Miele ha realizzato un fatturato di € 1,1 miliardi - con un incremento del 6,9% - diventando l’azienda di elettrodomestici con il più alto fatturato presso i rivenditori specializzati e mantenendo il primato anche tra i cucinieri.

Nel resto del mondo il fatturato è cresciuto in maniera positiva, registrando un tasso del 6,3%. Profitti notevoli sono stati raggiunti nei mercati statunitense, australiano, inglese e cinese. In Russia, nonostante l'instabilità politica e l’inflazione, le vendite si sono mantenute ai livelli dell'anno precedente considerando la valuta locale. Nell'Europa Meridionale, il trend di crescita si è consolidato, nonostante in quest’area la crisi economica sia ancora presente.


Miele Professional registra un fatturato di € 476 Mio

La business unit Miele Professional - che include prodotti per le lavanderie, lavastoviglie commerciali, macchinari di disinfestazione e sterilizzazione per laboratori e altre applicazioni mediche - ha realizzato un fatturato pari a € 476 Mio, con un aumento di € 27 milioni (6,0%) rispetto all'anno precedente e contribuendo così al fatturato totale per il 13%. Tutte le categorie hanno performato bene, tuttavia le tecnologie mediche hanno accresciuto il business in modo particolare grazie alla realizzazione di nuovi macchinari e alla fornitura dei sistemi sanitari attraverso, ad esempio, la progettazione e l'allestimento di interi ‘central sterile services department’ (CSSDs) negli ospedali.


Espansione in tutto il mondo del personale di vendita e di assistenza

Al 30 giugno 2016 il numero dei dipendenti in tutto il mondo ha raggiunto la quota di 18.370 - 629 persone in più rispetto all'anno precedente. La crescita è avvenuta soprattutto grazie alle filiali di Stati Uniti, Canada, Australia, Danimarca, Gran Bretagna e Spagna, dove è stato rinforzato il personale di vendita e assistenza alla clientela in risposta alla crescita del fatturato e dei punti vendita. Inoltre, grazie ai buoni risultati della linea di lavastoviglie entry-level, sono state previste delle assunzioni in più anche presso lo stabilimento di produzione di Uničov.

I dipendenti tedeschi sono circa 10.300, un numero rimasto costante rispetto all'anno scorso: se infatti è stato necessario ridurre il numero dei dipendenti nelle sales operations per la concentrazione delle attività di backoffice presso la sede della società a Gütersloh, questo fatto è stato compensato con assunzioni presso la maggior parte degli impianti di produzione in Germania, in seguito ad un aumento della produzione.


Il rapporto di sostenibilità 2015 di Miele aderisce ai Sustainability Reporting Standard definiti dal G4. L’azienda si è focalizzata sull'efficienza energetica dei prodotti, lungo il loro intero ciclo di vita, sullo sviluppo e la formazione del personale e sulla pianificazione del business aziendale nel medio-lungo periodo. Ma soprattutto l’azienda continua ad impegnarsi per ridurre l’impatto ambientale delle varie sedi: Miele ha ridotto il consumo di energia a livello globale del 18,4% rispetto al 2000, a fronte di uno sviluppo delle vendite, cresciute invece del 70% nello stesso periodo.


Importanti investimenti in produzione, vendite e logistica

Nel corso dell'esercizio passato, il Gruppo Miele ha investito € 184 Mio in produzione, vendita e logistica. L’incremento di € 34 Mio (23%) rispetto all'anno precedente è dovuto allo sviluppo di nuove linee di prodotti, alla costruzione e conversione di nuovi spazi presso le varie sedi di produzione: a Gütersloh, ad esempio, sono state ampliate le strutture della logistica e della vendita, con la costruzione di un magazzino, un nuovo snodo centrale per la vendita di ricambi e nuovi locali per gli uffici. Inoltre, showroom nuovi o completamente ristrutturati sono stati aperti nelle città metropolitane di tutto il mondo: da Pechino a New York e Miami, da Johannesburg a Vilnius, a Bucarest, da Londra a Vancouver.


Cresce anche l’Italia

Da quasi 60 anni Miele Italia ha la sua sede a Bolzano, dove conta 135 dipendenti. Un legame che passa attraverso consumatori fedeli e partner locali che in Miele hanno trovato il loro referente speciale: sono molti gli storici rivenditori di mobili locali che collaborano con il marchio e ben 150 strutture alberghiere hanno deciso di dotarsi delle attrezzature professionali.

Il fatturato di Miele Italia, attestato a 112 Mio di euro, segue un trend positivo di crescita.