keyboard_arrow_up

Miele presenta Forno Pubblico: un viaggio nel mondo della panificazione

Conoscere la materia prima, impastare con le proprie mani, assaporare la fragranza del pane appena sfornato cogliendone le sfumature, significa riappropriarsi del piacere della convivialità e dello stare a tavola. Da maggio ad ottobre, il Miele Gallery di Milano ospiterà show cooking a tema, storie e racconti informali, workshop ed aperitivi.

Il pane è uno degli elementi più forti della nostra cultura: al di là delle proprietà nutrizionali, rappresenta la sintesi dei valori storici e culturali, della famiglia e della società, simbolo di convivialità e di condivisione. La sua preparazione è di per sé un atto d’amore: il mescolarsi degli elementi, il calore delle mani, la lentezza della lievitazione, la fantasia delle forme. E’ l’accompagnamento, il rimedio nell’attesa, il piacere.

Il pane è da sempre un concetto al plurale. In un periodo precedente all’avvento della cucina moderna, è stato un grande aggregatore sociale: preparato in casa, veniva portato a cuocere nei forni pubblici. Il forno diventava così uno dei maggiori fulcri della vita sociale di una comunità, uno spazio che favoriva l’incontro tra persone nell’attesa che il pane cuocesse.

E’ da qui che nasce il progetto Forno Pubblico di Miele: un concetto ricco di simbologia, che unisce, da una parte, il luogo fisico di cottura e di incontro, dall’altra, il pane come base dell’alimentazione mediterranea. Ancora oggi, questi elementi mantengono la loro forza evocativa e hanno un forte richiamo partecipativo.

Il Miele Gallery di Milano vivrà, da maggio ad ottobre, una rinascita sociale, diventando un luogo di incontro e condivisione dove lavorare e imparare con le proprie mani, scambiarsi farine e lieviti ma anche conoscenze e segreti della panificazione.

Forno Pubblico è un involucro di contenuti, un ventaglio di iniziative ed eventi che affrontano tre aree tematiche: la materia prima e il territorio, le tecniche della panificazione e l’aspetto sociale ed aggregativo.

Il viaggio di Miele inizia dalla storia e dalla tradizione. Bread Culture riguarderà le origini del pane, gli ingredienti, la materia prima e la sua trasformazione.

Il secondo momento vedrà la rivisitazione progettuale del timbro. In passato, era un marchio di famiglia scolpito in un blocco di legno, con cui si marchiava il proprio pane al forno pubblico per non confonderlo con quello di altri. Miele vuole reinterpretare questo simbolo, utilizzando tecnologie moderne, come frese e stampanti 3D. Food designer, chef e panettieri artigiani racconteranno la loro Bread Experience: l’arte della panificazione, la sperimentazione e il design.

Bread Community è il terzo momento del progetto: il cibo e il pane sono soprattutto elementi di aggregazione sociale. Miele diventa promotore di nuovi incontri, il Gallery di Milano luogo fisico di scambio tra persone, idee e culture. Parteciperanno giovani realtà imprenditoriali e start-up milanesi che con il pane hanno creato delle vere e proprie community, blogger e nutrizionisti che racconteranno anche il punto di vista dei celiaci e intolleranti al glutine.

Conoscere le materie prime, impastare, assaporare la fragranza del pane condividendone il piacere e i trucchi, significa fermarsi a riflettere sui valori reali. Miele ospiterà show cooking a tema, talk informali, workshop ed aperitivi con musica dal vivo.

Tutto questo si chiama Forno Pubblico.

www.fornopubblico.com

Ufficio stampa: elena.schiavone@phdmedia.com

+39 345 5593622